Vi fidereste???

No, dico, ai tempi di FB, di Instagram, di Twitter, di Linkedin, Google plus etc….

Vabbeh, pe falla  breve ai tempi di oggi praticamente dettati dalla  conoscenza virtuale vi fidereste  de ‘na tipa come  me praticamente  disconnessa (in tutti i sensi…)  e  che  tiene ancora al piacere di una telefonata, di una passeggiata, di un abbraccio e…non continuo altrimenti me sale l’adrenalina (scherzo).

Voi? Siete sempre connessi, postate, vi fate i surfie, state sempre sul pezzo (ma si dice così?). Boh…

Insomma cosa vuol dire per voi conoscere una persona e sintonizzarsi sulle sue frequenze?

Con questa domanda alla Marzullo vi auguro buona serata.

Un sorriso, Lila (ascoltate anche la canzone che merita).

 

Bepperex, chi sei?

Perdonatemi miei followers ma credo che ormai sappiate che una delle mie caratteristiche è la curiosità.

Per questo motivo faccio una domanda diretta ad uno dei miei followers. Tra gli appartenenti alla piattaforma di wp la cosa bella è che ci si può confrontare e commentare.

Ma ormai da un po’ di tempo ho un appassionato delle mie poesie di cui non conosco l’identità. Una cortesia…presentati, mi farebbe davvero piacere.

Googolando esiste un Bepperex vocalista di una dead metal band.  Una cosa…non vorrei trovare i miei testi su canzoni. O comunque vorrei ne fosse citata la fonte.  Ci tengo molto  a quello che scrivo. Ma forse mi sbaglio?

Ohy va bene Bepperex io ti ho invitato a dare un cenno della tua presenza. Ti regalo un video un po’ vintage. Forse non è il tuo genere musicale  ma io l’ho linkato per dimostrare che un po’ tutti noi siamo cacciatori/cercatori.

Naturalmente penso che al resto della compagnia possa non interessare questo post un po’ così e comunque vedete voi…

La vostra Lila vi augura una buona serata!

 

Apparente sconfitta. Lisa Corva docet!

Davvero sappiamo vivere solo dopo la sconfitta,
le amicizie si fanno più profonde,
l’amore solleva attento il capo.
Perfino le cose diventano pure.
I rondoni danzano nell’aria,
a loro agio nell’abisso.
Tremano le foglie dei pioppi,
solo il vento è immoto.
Le sagome cupe dei nemici si stagliano
sul fondo chiaro della speranza. Cresce il coraggio

Adam Zagajewski

Non perdi, se trovi te stesso.

Te nel mondo

Tra l’infinito mondo e l’infinito te

io scelgo te, nel mondo.

Non conosco altro modo, in fondo,

di conoscerti, respirarti

e allora annuso il tuo esistere

la tua risorsa, pura, di vita

e allora ascolto le tue parole

mi muovo nei tuoi passi.

Come Pollicino getto sassi di me

Aspettandoti.

Lila

Roma, 21 aprile 2017