Di che colore è la paura?

Ho chiesto al mio cuore

che colore avesse la paura.

Lui ha smesso di battere in un colpo

e ha cominciato a tremare.

Poi mi ha detto, cantando sottovoce:

non può essere Celeste la paura

non può essere Rossa, ne Turchese, ne Viola e ne Blu.

Non può essere Verde come il colore degli alberi

che si innalzano coraggiosi davanti.

In silenzio, fermo per un po’,

il mio cuore si è arreso.

Di nuovo: magari è nera la paura o bianca

o magari ha entrambi i colori la paura e si diverte

a farmi ascoltare una musica senza senso

da un piano che ha scale infinite.

Ascolto adesso questo suono

questa musica, questo richiamo

è simile ad un fruscio, uno scrosciare lento.

Mi calmo, mi guardo dentro e respiro.

La paura è invisibile

non ha nessun colore, dico

ha un suono, questo sì, quello del dolore vissuto…

Dentro me tutto questo, tutto questo sapere

sapere che a volte ho paura ma a volte riesco

riesco anche ad essere felice

e a non aver paura.

Dedicato alla mia amica Dora e a tutti i Cuori coraggiosi.  Con affetto da Lila.

Annunci

ora tocca a me (a Vida parte 2)

Ora tocca a me, appunto.

Cosa rappresenta per me la vita? Premessa: per molti anni sono rimasta volutamente chiusa in una gabbia dorata per spavento.  Il dolore mi faceva paura.  Ogni evento doloroso o triste mi metteva angoscia e questo mi spingeva a cercare sempre di evadere la realtà, di vivere solo cercando di gioire e ridere come se non ci fosse niente di cui preoccuparsi.

Non è facile rendere in poche righe tutto quello che mi è successo fino ad oggi. Come ho già accennato in un post precedente non posso scendere nei particolari. Voglio dire una cosa  però: ho avuto  un periodo  lungo di depressione.  Ho dovuto  chiedere aiuto dal momento che anche il mio corpo si rifiutava di muoversi. Il vero dolore ha bussato alla mia porta per farmi capire che c’era qualcosa che non andava.

Ho dovuto toccare il fondo più profondo per capire quello che stava succedendo dentro me. Ho dovuto urlare. Chiedere aiuto. Non è stato sempre facile anche perché vi lascio immaginare quanto lucro ci sia dietro una persona che soffre, che non sta bene. Ho avuto fortuna. La fortuna di incontrare una Donna, la mia psicoterapeuta. Lei è riuscita a spaccare il mio muro di dolore, a scavare nell’abisso, a farmi piangere, a farmi urlare e adesso a farmi gioire. Sono una Donna nuova che ama la vita, che ha rispetto del proprio essere, autostima, rispetto del proprio corpo, rispetto dell’altro, di ogni Essere Umano che ama stare in sintonia, in armonia con me. Rispettare chi ci vuole bene non vuol dire necessariamente stare sempre calmi. A volte le persone con le quali discuto e mi infervoro sono quelle alle quali tengo di più.

Anche per Amare ci vuole coraggio, ci vogliono gli attributi, ci si deve tuffare, mettere in gioco.

Cos’è per me la Vita? Una pioggia viola che scroscia, bagnando i miei capelli, lasciandomi sognare nuove cose. Io, in questa pioggia viola e in questa vita nuova, ci voglio credere da ora ad ogni giorno nuovo che mi sarà concesso di vivere.

Smile! Lila

 

Sorridi! Omaggio a Fabrizio Frizzi

Cari follower, non sono solita fare post che riguardano personaggi dello spettacolo.

Faccio un’eccezione questa sera per una persona importante, un uomo o meglio un gentiluomo, Fabrizio Frizzi.

Non posso dire di conoscere molto quest’uomo eppure c’è un particolare che mi è sempre piaciuto di lui, il suo sorriso, il suo modo di essere.

Evidentemente questo suo modo di comportarsi con gli altri (e non solo con le persone vicine a lui) ha conquistato me e tante altre persone. E’ la prima volta che mi trovo senza parole davanti ad una morte. Lo so che è la vita e che tutti noi siamo soggetti all’unica legge dalla quale è impossibile scappare. Penso però che in alcuni casi la vita non è sempre giusta e ci lascia orfani di belle persone, di veri esseri umani.

Ci sono vari messaggi che omaggiano Frizzi e vari video su Youtube. A me ha colpito molto quello che riporto. Guardandolo credo capirete il perché.

Buon viaggio Fabrizio,  ovunque tu sia. Pensando a te ricorderò, ancora una volta, l’importanza che può avere un sorriso donato con il cuore.

Lila

 

Ti scrivo per dirti

20150620_183248

Ti scrivo lasciandoti acqua

e mare e onde e scorrere di vita

ti lascio la piega

del respiro profumato della sera

ti lascio le voci festanti

dei bambini che giocano felici

i ciottoli colorati del mare

il calore inaspettato del sole.

Ti lascio il mio sorriso e poi ti lascio

ti lascio ai tuoi pensieri stanotte

augurandoti con tutta la mia forza

di vivere, vivere e vivere.

Lila

Di te il ricordo

Ti ricordo stasera

nel bagaglio delle cose perdute

a passeggio, al mio fianco

mano nella mano

camminavi piano

legati i tuoi bianchi capelli.

Sulle guance rivoli di vita

nei tuoi occhi il celeste

del nostro cielo

delle giornate di primavera.

La sera stendevi il tuo corpo

alla preghiera e all’amore

ci coinvolgevi e muovevi

ogni più piccolo ricordo.

Oggi non ci sei più cara nonna

e un rumore sordo a volte

fa capolino

attorno al mio cuore.

Solo le ore passate insieme

mi fanno compagnia

e oggi che ricordo la tua morte

forte mi guardo

e sento e vedo ancora

davanti a me

la luce cara del tuo viso.

Lila

 

Se brucerò per te

Oggi gira così. Sveglia già da due ore. Forse senza un perché o forse sì.

La pioggia, le domande sul mio passato e sul mio presente.

Non ho mai pensato al futuro, è una linea di tempo che non ha contorni e confine.

Ma a volte guardarmi dentro mi fa paura.

Troppe emozioni mi agitano e a volte mi sento come una foglia che vola, accarezzata dal vento.

Per ora, intanto, ascolto questa!

Lila

 

La bella addormentata

…e basta!

Addormentata dalla vita, nella vita, perché le cose non sempre vanno come devono andare.

Perché ce so sere come queste che non vorrei sorridere ma urlare.

Perché essere sensibili è una cosa che fa male da stare da schifo.

Perché aivoglia a dire che conta che sei bella dentro, a volte è proprio dura crederci.

In un mondo dove a volte sembra contare solo il fatidico lato B oppure è importante solo come riesci a venderti.

Scusatemi, stasera, dico basta!

Preferirei andare a dormire e sognare un mondo nuovo, ma esiste ancora???

Lila