La storia infinita chiamata vita

Se stasera dovessi parlare di me e della mia vita vi direi che è stata fino ad adesso una sorta di fiction televisiva a puntate.

Oddio non so ancora come andrà finire (e per fortuna dico io) ma diciamo che i presupposti per una saga o una serie ci sono tutti.

Tra precipizi e discese in basso e risalite c’è dentro tanta voglia di vita.

Vi abbraccio tutti miei cari followers e vi auguro una buona serata  🙂

 

 

33 risposte a "La storia infinita chiamata vita"

  1. Non so ma il tuo voleva essere un inno alla vita – e si è capito – ma non so perché continua a risuonarmi nel retro-cranio con tono apocalittico come in Non Ci Resta Che Piangere il frate da sotto il balcone ripeteva al buon Massimo Troisi che “ricordati che devi morire” e Troisi alla fine gli risponde: “Sì, sì mo’ me lo segno” simulando al contempo il gesto di segnare come le comande dei camerieri al ristorante. Tranquilla, lo so, lo strano sono io.
    PS.OT:
    questo è un po’ off-topic ma vorrai perdonarmi. Qualche giorno fa sono stato tirato in ballo in un gioco di tag, “6 cose impossibili”, ti ho nominata e quindi passato a te la sacra unzione di SanTaGAntonio. Solo per dirtelo. Se non ti interessa, passa oltre. Come non scritto (<–questo modo di dire è così pleonastico visto che per dirla la devi scrivere per forza)

    1. Ciaoooo! Caro Red aviatore, tu non mi conosci bene. Sì. Il mio era decisamente un inno alla vita perché a me la vita è regalato un’altra chance…Però mi hai fatto morire dal ridere! Ok, nel pomeriggio passo da te e vefrò de che…Tag si tratta. Sono comunque contenta che tu sia passato da me 🙂

      1. Vero che non ti conosco eppero’ (si può scrivere così visto che ormai ‘ma però ‘ si può!) ho avvertito una certa affinità nei nostri primi scambi. Magari mi sbaglio, ma grazie a questa “confidenza” mi permetto il lusso di essere-chi-vogl’io, per dirla alla Pino Daniele, e anche un po’ pazzo. Da qui qualche provocazione benevola per cercare di conoscerci meglio e prenderci le misure (ahimè la 48 inizia a essere stretta per me)
        Ti aspetto, ma considera il mio invito come un gioco, quindi senza impegno.
        Visto che ormai sono da te, cosa servite in questa webbettola? Tequila ce l’avete?

      2. Sei na forza! E’ vero quello che dici e mi piace questo scambio. Purtroppo non ho piiù tanto tempo come quando stavo in ferie ma è sempre piacevole vederti. Dimmi che vuoi e provvederò. Tequila? Vado a vedere…io gradirei pure na bella grappa barricata ma sono a stomaco vuoto e sarebbe controproducente quindi tra poco tento di rimediare…tu come stai a stomacuzzo?

      3. Se bevo la grappa a stomaco vuoto poi mi barricano a me dietro le sbarre per molestie aggravate da logorrea scalpitante. Un chupito di tequila va benissimo. Gracias.

      4. Ehy guapo ok, affare fatto. Un chupito di tequila per te. Comunque te vorrei dì che secondo me grappa barricata o non te quando inizi a parlare sei come un revolver!

      5. Uggesummaria! Vuoi dire che preferiresti una pistolettata?…Beh ti capisco, alcuni colleghi con me hanno questa sensazione e…io il lunedì mattina li bracco nell’ascensore. Devono augurarsi che non si blocchi. 😉

      6. No, non ho le doti dell’agizzino e se mi stai antipatico giocherello con te come il gatto con il topo e poi ti lascio perdere applicando una damnatio memoriae senza ritorno o appello. Son nato sotto il Vesuvio e quando faccio il botto non ti salvi. Besos.

      7. leggo ora che ho scritto “agizzino” …agUzzino. So che hai capito, ma mi sale il magma a vedere che il correttore del telefono è senziente…ed analfabeta!

      8. Se è per questo anche io non mi sono risparmiata e ho visto che ho fatto qualche errore di ortografia. Certo che avevo capito! Nel frattempo ho letto le tue sei cose impossibili…

    1. Grazie di cuore caro Salvatore. Hai ragione. E’ in gioco la nostra pelle e si scopre giorno per giorno il suo valore. Io perciò festeggio. Vuoi festeggiare con me? 🙂
      Un abbraccio!

  2. Non dipende da altri il bello e il buono che ciascuno vorrebbe trovare intorno a sé. Nasce da noi stessi. Si alimenta con la legna che ciascuno saprà portare al fuoco grande che tutti cercano e verso cui tutti sono attratti. La vita nuova comincia da un soffio leggero che, di primo mattino, ci spinge a cercare sotto la cenere che tace una brace viva, la stessa che fino alla sera precedente aveva alimentato condivise memorie, coinvolgenti narrazioni, attente riflessioni.

    Un abbraccio grande.
    Fausto

    1. Caro Fausto, non so, sono stata poco chiara nello scrivere questo articolo? Io non metto in dubbio che tutto nasce da noi stessi anche se le relazioni che fanno parte della nostra vita fin dai primi anni di età influenzano le nostre scelte e a volte purtroppo condizionano gran parte della vita. Ti abbraccio forte e ti auguro una buona serata ringraziandoti per il tuo essere leggero proprio come un soffio…

  3. Carissima amica, la vita ci regala momenti nei quali attraverso una tormentata discesa troviamo realmente l’elisir della vita, quel forte abbraccio con il giorno che sorge, con il sorriso di un amico ritrovato dopo tanto tempo, con quella frase che mia nonna mi ripeteva lasciandomi il suo bacio sulla mia guancia di fanciulla: ” L’importante è vivere donando la nostra testimonianza d’amore!”
    Un caro saluto e un augurio di una serena settimana
    Adriana Pitacco

    1. La frase di tua nonna è davvero tenerissima cara Adriana! E’ vero, donare l’amore. Donare, donarsi e vivere. Un augurio di una serena settimana anche per te cara e un bacio col cuore. Lila

  4. Le vite di molti di noi sono saghe, spesso viviamo protetti e queste saghe rimangono nascoste dietro facciate. La tua voglia di vita si respira benissimo in ogni parola che lasci.
    Fabio

    1. Fabio ed io ti ringrazio di cuore per quello che mi hai scritto. Diciamo che da poco mi sono riappropriata di questa voglia di vivere e che me la tengo stretta. Un abbraccio. Lila

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...