Come aria

Aria, per me sei come aria

e non importa se non ha senso

questo non conoscersi

questa smania che ci prende

di appartenerci

Viva, sento che sono viva

solo di un tuo bacio viva

per questo tuo scoprirmi sospesa

in te che sei per me

ossigeno.

Lila

 

Annunci

34 pensieri su “Come aria

  1. la conoscenza mantiene sempre qualcosa di misterioso; forse proprio questo porta alla scoperta d’ogni respiro che s’accorda all’altro respiro
    sempre delicata, sei, Lila
    notte buona

  2. Mi piace la differenza (eccome se c’è) tra aria e ossigeno. L’aria è vitale, composta da più gas, serve per vivere, per mantenersi e il tuo amore si mantiene in questa smania di appartenerci, ma poi si sale di livello e col bacio ci inebriamo come con l’ossigeno. Poesia delicata ma allo stesso tempo intensa perché racconta di un amore che cresce.

  3. poesia che danza come un richiamo, una voce che chiede all’aria di sospendersi nel vento nell’ossigeno di un bacio avveniente…un richiamo che ricorda quasi le odi si Saffo…bella cosa che hai scritto Lila.

      1. davvero, si, le tue composizioni si vanno affinando sempre più…è na gioia rendersene conto…se lo scambio ci arricchisce ( e sottolineo il ci) vuol dire che siamo in un sentiero virtuoso.

      2. Bella questa figura del sentiero virtuoso. Lo scambio sicuramente ci arricchisce e sto notando che mi serve molto non solo il leggere ma anche la vitalità che caratterizza te, Dora e Luxor. Io tra l’altro ho già una lettura che mi aiuta molto. Una maestra di poesia, si chiama Poetella, conosci?

      3. Si conosco Poetella, ma non abbiamo grandi rapporti. Ebbi un duro scontro un po’ sferznte da parte mia con un suo amico appassionato di musica. Sul blog di Poetella questo sbeffeggiò mlamente e i n maniera maldestra (diciamo con saccenteria) il mio amatassimo Requiem di Mozart…Poetella non ne fu molto contenta…pur amando il Requiem disse che il suo amico era un grande esperto e che andava rispettato..un atteggiamento che mi parve troppo prono e privo di autonomia….da quel momento mi so molto raffreddato e onestamente non la leggo…ecco (non rimandarle questa mia confessione a te, non mi parrebbe carino)…ok Lila?

      4. va be voglio dire se Poetella legge tutti i tuoi commenti, ok…ad ogni buon conto non ho detto niente che non abbia già detto in quell’occasione…e poi risponderti con franchezza mi sembrava doveroso…poi comunque ci chiarimmo col blogger amico di poetella…mi disse che rivendicava il diritto di scherzare anche su Mozart. <Purtroppo io ho posto dei confini su alcune zone nei quali lo scherzo proprio lo trovo indigesto…e il Requiem di <mozart rientra in quei confini…difatti di li a poco pubblicai un post sul requiem che credo tu abbia visto.

  4. È questa la sensazione che ci dà l’amore, la certezza di non poter respirare, di non poter sopravvivere lontano da chi amiamo, insieme alla consapevolezza che la felicità è tutta lì, in quel non saper vivere senza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...